itenfrderues

Comunicati Stampa

Ammonta a 6.268.261,04 la spesa sociale censita per il triennio 2016/2018 nell’Ambito Ottimale Distrettuale n. 2 composto dai Comuni di Capo d’Orlando, Capri Leone e Torrenova che complessivamente conta poco più di 22 mila abitanti.
Attraverso l'analisi dei dati socio-finanziari è possibile “leggere” i bisogni della collettività, comprendere il contesto di riferimento e individuare gli interventi da attuare nell'ambito sociale.
In questo contesto, l'obiettivo congiunto è stato quello di cercare di dare risposte al problema “povertà” che caratterizza il dibattito politico dei Comuni.
Il bilancio 2016/2018 dell’A.O.D, n. 2 del Distretto Socio Sanitario 31 è stato redatto dal personale del Gruppo Piano dei Comuni associati per il Piano Ottimale di Zona 2018/2019, approvato dal Comitato dei Sindaci lo scorso trenta aprile e con il quale sono stati programmati 135.796,34 euro, assegnati dalla Regione ex legge 328 del 2000.
Il bilancio, invece, mostra che la spesa sociale censita per il passato triennio nel territorio dei tre Comuni ammonta a 6.268.261,04 euro.
Alle famiglie residenti a Capo d’Orlando, Capri Leone e Torrenova viene assicurato adeguato sostegno socio-assistenziale con contributi e servizi. Ma le diverse fonti di finanziamento non ne farebbero percepire complessivamente la valenza.
Di particolare interesse si rivelano i settori di spesa: quella sostenuta direttamente dai Comuni con i propri bilanci incide soltanto per il 35,45% del budget totale. Si tratta di 2.221.770,65 euro con cui Capo d'Orlando, Capri Leone e Torrenova hanno contribuito ad assicurare interventi per minori, anziani, disabili e famiglie.
Di rilievo appare il costo sostenuto per mantenere gli asili nido che, per Capo d’Orlando costituisce una spesa di 637.965,27 euro cui si aggiunge un finanziamento ministeriale di 198.689,11 euro e per Torrenova di 787.176,00 euro cui si aggiunge un finanziamento ministeriale di 99.272,25 euro.


“Favorire i tempi di vita delle famiglie che lavorano- afferma il sindaco di Capo d’Orlando Franco Ingrillì- è un obiettivo primario che continueremo a perseguire nonostante i costi elevati del nido”. Dello stesso parere è il primo cittadino del Comune di Torrenova, Salvatore Castrovinci, che nel nido comunale ha accolto ben 42 minori e che afferma "Il lavoro svolto tramite l'AOD n. 2 in assoluta e proficua sinergia tra le parti politiche e gli Uffici preposti ha consentito di raggiungere più che soddisfacenti livelli di coesione sociale e di effettiva inclusione".
A tal proposito il sindaco Filippo Borrello, annuncia che anche a Capri Leone “è imminente l’apertura dell'asilo nido, che sarà finanziato, sia per la struttura che per parte della gestione, con fondi ministeriali”.
Il rimanente 64,55 % del bilancio attiene a somme provenienti da finanziamenti e misure di settore.
Ad esempio, concentrando l’attenzione sugli interventi per contrastare la povertà, emerge che le famiglie assistite nei tre comuni sia con i fondi del Sostegno Inclusione Attiva che con il Reddito di Inclusione Attiva, hanno complessivamente percepito oltre 252 mila euro.
“Certamente l’introduzione del Sostegno al reddito ha garantito oltre al contributo economico anche interventi di attivazione sociale e lavorativa con presa in carico dei nuclei familiari, afferma Filippo Borrello, primo cittadino del Comune di Capri Leone - incidendo positivamente sul contesto generale”.
La distribuzione comunale mostra l’incidenza più alta dei percettori di tale reddito nel Comune di Capo d’Orlando. Le famiglie hanno ricevuto dall’INPS oltre 600.000 euro per contributi maternità e nucleo familiare numeroso.
Per gli immigrati il costo supera il milione e mezzo di euro.
Da evidenziare, comunque, che il documento di ambito non contiene i dati della spesa sanitaria e non include i costi dei servizi che il Distretto 31, capofila il Comune di Sant’Agata Militello, paga direttamente, ed è, quindi, da integrare in aumento.

Referendum Costituzionale 2020

Avviso Pubblico

Bandi e Concorsi

Ordinanze

Comunicati Stampa

Comunicati Stampa

Raccolta differenziata: cambia il gestore del servizio - Chiuso temporaneamente il CCR di Pissi

Da lunedì prossimo, 28 settembre, sarà la ditta Ecolandia s.r.l di Catania a gestire il servizio di raccolta e conferimento dei rifiuti differenziati. Rimane immutato il calendario del porta a porta.
La stessa Ecolandia dovrà procedere, inoltre, alla bonifica e messa in sicurezza del Centro Comunale di Raccolta di contrada Pissi. Per questo motivo, il Sindaco Franco Ingrillì, ha firmato una ordinanza con cui ha disposto la chiusura temporanea del CCR, proprio per consentire l'esecuzione degli interventi.
“Il Centro tornerà presto operativo e sarà certamente più funzionale di prima – commenta il Sindaco Franco Ingrillì. Nel frattempo, invito i cittadini a non recarsi al CCR di Pissi fino alla conclusione degli interventi, ma a conferire correttamente la differenziata rispettando il calendario della raccolta. Stiamo compiendo uno sforzo importante per avere un servizio di qualità che ci porti a migliorare la percentuale di raccolta differenziata, per aiutare l'ambiente e avere risparmi in bolletta. Ma è necessaria la collaborazione da parte di tutti”.

Comunicati Stampa

Il Sindaco Ingrillì: “Sul progetto del depuratore tante accuse ingiustificate”

Sulla vicenda del progetto di adeguamento del depuratore di Tavola Grande, il Sindaco Franco Ingrillì ha rilasciato la seguente dichiarazione: “Mi rendo conto che l'argomento sia materia piuttosto ostica per i profani e, al tempo stesso, comprendo bene, ma non condivido affatto, che c'è anche chi vuole cavalcare politicamente una questione che sta a cuore all'intera comunità orlandina. Ma io non ci sto. Non mi piace che venga gettato discredito sulla professionalità degli uffici né mi piace che venga mistificata la realtà.
Nel maggio 2019, l'ex dirigente del Servizio 1 del Dipartimento Regionale Ambiente, Mario Parlavecchio, ha scritto una nota indirizzata al “Commissario Straordinario Unico per il coordinamento e la realizzazione degli interventi di collettamento, fognatura e depurazione delle acque reflue urbane” specificando che per le varianti proposte si deve fare richiesta “ai sensi dell'art. 6 comma 9 d lgs 152/06”.
Secondo questa norma, cioè, l'ente proponente ha la facoltà, ripeto: la facoltà, di richiedere all’autorità competente, trasmettendo adeguati elementi informativi tramite apposite liste di controllo, una valutazione preliminare al fine di individuare l’eventuale procedura da avviare.
Richiesta legittimamente presentata non dal Comune ma dalla Sogesid, la società commissariale che gestisce il finanziamento e che ha la responsabilità dell'iter procedurale. Il problema è che sono passati 16 mesi per avere una risposta!

Leggi tutto...

Comunicati Stampa

Dal MIBACT diecimila euro per l'acquisto di nuovi libri per la Biblioteca Comunale

Il Ministero dell'Istruzione ha assegnato 10mila euro al Comune di Capo d'Orlando per l'acquisto di nuovi libri destinati alla biblioteca. I fondi provengono dal bando del MIBACT per il sostegno all'editoria previsto dal decreto ministeriale del giugno scorso finanziato con i fondi per le emergenze per le imprese e le istituzioni culturali. Soddisfazione da parte del Sindaco Franco Ingrillì e dell'Assessore Fabio Colombo per l'attività svolta dalla biblioteca comunale che ha portato alla concessione del contributo: “Amplieremo la qualità del servizio di prestito libri della nostra biblioteca che già oggi può contare su un patrimonio librario importante”.
La Biblioteca Comunale di Via del Fanciullo, diretta dal responsabile Carlo Sapone, nell'anno 2019 ha ospitato 550 lettori e ha concesso quasi 1200 libri in prestito.

 

Comunicati Stampa

Aggiornamento emergenza Covid: 3 persone positive e 29 in isolamento

Il Sindaco di Capo d'Orlando Franco Ingrillì aggiorna la situazione riguardo l'emergenza Covid-19. Ecco la sua dichirazione:
"Stamattina è arrivata la comunicazione dell’Asp sull’esito positivo del tampone effettuato sul dipendente di un locale pubblico di Capo d’Orlando. L’uomo si trova in isolamento domiciliare ed è in buone condizioni generali di salute. E’ doveroso precisare che la persona risultata positiva al tampone era entrata in ferie a partire da domenica scorsa, 13 settembre, e quindi, nella settimana appena conclusa, non ha prestato servizio nel locale pubblico in cui lavora.
Come già detto ieri, una volta venuti a conoscenza dei lievi sintomi accusati dal dipendente, i titolari e l’altro personale del locale interessato si sono sottoposti al tampone in una struttura privata e i risultati sono tutti negativi. Per loro, comunque, è scattato l’isolamento in attesa di eseguire il tampone “ufficiale” da parte dell’Asp. Come sempre, comunicherò tempestivamente i risultati del test.
Al momento, quindi, abbiamo tre persone positive: oltre a quello di oggi, come ricorderete, ci sono un ragazzo rientrato da una vacanza e una donna tornata a Capo d’Orlando dal suo paese estero d’origine. Quest’ultima è risultata negativa al tampone effettuato nel fine settimana. Stamattina è stata sottoposta a nuovo test di conferma e, se anche questo risulterà negativo, potrà uscire dalla quarantena.
Attualmente, tra persone provenienti da paesi a rischio e soggetti venuti a contatto diretto o indiretto con positivi, a Capo d’Orlando ci sono 29 persone in isolamento domiciliare.
Molti cittadini mi hanno segnalato che in diversi locali, da parte dei titolari o del personale, non viene osservato l’obbligo di indossare la mascherina. #osservareleregole non è un capriccio, ma una necessità per prevenire il contagio e limitare il rischio di diffusione del nuovo coronavirus. Indossiamo le mascherine, igienizziamo spesso le mani e rispettiamo il distanziamento interpersonale: misure semplici ma fondamentali per tutelare la nostra salute, quella di chi ci sta vicino e dell’intera comunità".
 
 

Torna su