itenfrderues
Area News

Comunicati Stampa

Sono stati concessi a 218 nuclei familiari residenti nel Comune di Capo d’Orlando, per una spesa complessiva di 60mila 612 euro i buoni spesa/voucher per l’acquisto di beni di prima necessità, relativi all'intervento finanziato dalla Regione Sicilia con Fondi PO FSE SICILIA 2014/2020- Asse II, Inclusione Sociale e lotta alla povertà,OT9,- Priorità i investimento 9.I, Obiettivi specifico 9.1, Azione 9.1.3.
Nel dettaglio, 31 destinatari fanno parte di nuclei familiari in condizione di disagio economico e non percepiscono alcuna altra forma di reddito o di assistenza economica, mentre gli altri 187 fanno parte di nuclei familiari destinatari di precedenti forme di sostegno pubblico e di buoni spesa/voucher erogati ad altro titolo per emergenza COVID-19 secondo i criteri previsti nell’Avviso pubblico.
Purtroppo – commenta il Sindaco Franco Ingrillì – gli uffici non hanno potuto accogliere altre 106 domande per carenze di requisiti previsti dal decreto regionale che ha vincolato l’erogazione a rigidi criteri di selezione. Paletti che hanno appesantito non poco i procedimenti. L'area servizi Sociali è comunque al lavoro per mettere in campo forme di sostegno agli esclusi, sulla base dello stato di bisogno documentato. Stiamo facendo di tutto per aiutare chi ha bisogno”.
I buoni spesa/voucher vengono gestiti telematicamente mediante la piattaforma cloud “SocialBonus” che rilascia al beneficiario un Buono Elettronico il cui valore economico viene attribuito, virtualmente, alla tessera sanitaria e/o al codice fiscale del beneficiario.


Il cittadino beneficiario, una volta ricevuta dal Comune la conferma dell’accoglimento della richiesta (tramite sms) unitamente al valore dell’importo del buono virtuale a esso conferito, può recarsi nell’attività commerciale liberamente scelta ed accreditata e spendere l’importo parziale o totale del buono senza esborso di denaro inserendo il PIN fornitogli dal Comune, e consegnando al negoziante, la tessera sanitaria o il codice fiscale, per il pagamento dei beni da acquistare.
Com'è noto, i buoni spesa/voucher nominativi possono essere utilizzati esclusivamente per l'acquisto di beni di prima necessità (alimenti, prodotti farmaceutici, prodotti per l’igiene personale e domestica, bombole del gas, restando esclusi alcolici (vino, birra, ecc.), superalcolici (liquori vari), prodotti cosmetici (lozioni, creme, coloranti per capelli, ecc.) e quant’altro non rientri fra i prodotti essenziali.
Tutti gli esercizi commerciali e le due farmacie che hanno aderito all'iniziativa praticano ai possessori dei buoni spesa uno sconto del 10%.
Relativamente, invece, all'ordinanza di Protezione Civile dello scorso marzo, sulla scorta della quale sono stati assegnati 103mila euro al Comune di Capo d'Orlando, sono stati distribuiti buoni spesa/voucher nominativi a 446 nuclei familiari. Anche in questo caso, i voucher sono stati utilizzati esclusivamente per la spesa di generi alimentari e di prima necessità e saranno rilasciati dall’Amministrazione Comunale secondo i criteri stabiliti dall’ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione Civile.

 

Torna su