itenfrderues
 

Comunicati Stampa

Si rinnova l'appuntamento con il Cile che per la quarta volta ritorna allo Spazio LOC con un nuovo progetto e con nuovi artisti.
"Un mare senza coste" è il titolo della mostra che aprirà domani, venerdì 26 luglio alle ore 19.30, e si concluderà il giorno dopo. La mostra, curata da Nancy Mansilla, ospita opere degli artisti Francisco Gabler, José Pemjean, Cristian Munilla, Claudia Riquelme, Sebastián Calfuqueo che hanno elaborato cartografie di senso che affrontano il corpo a partire dalla nascita, dal rapporto che stabiliamo con lo spazio sociale e dall'interrogazione delle forze che generano un impatto distruttivo o addirittura sconosciuto per la nostra convivenza.
“E' un progetto – spiega il curatore dello Spazio Loc ed esperto per il Comune di Capo d'Orlando Giacomo Miracola - che nasce dall’esigenza e dalla volontà di dare visibilità internazionale allo Spazio LOC e come mezzo per favorire la continuità di nuovi processi comunicativi e culturali con l'arte cilena contemporanea che nel corso degli anni lo Spazio Loc ha saputo costruire e consolidare con già ben tre progetti di residenze temporanee alle spalle validamente curate da Chiara Mambro con l'Associazione Sinopsis Australis e Cristian Castro con l'Associazione Interno Undici. La filosofia è quella del guardare lontano per agire nel vicino, nel contesto in cui ognuno si trova ad operare. Che ci sia un’emergenza culturale globale è un fatto che sta sotto gli occhi di tutti, che ci sia chi concretamente agisce e investe per fare fronte all’emergenza, è una notizia che spesso non passa”.

“Il legame culturale che in questi anni abbiamo costruito insieme ai vari artisti Cileni ospiti in residenza breve è certamente un passo importante per Capo d'Orlando, perché diventa, attraverso l'azione culturale dello Spazio Loc, uno dei punti di riferimento per la sperimentazione artistica dei numerosi artisti cileni che arrivano in Italia; provare a guardare lontano è quello che facciamo, mettersi insieme per parlare e ragionare su come le cose girino in mondi cosi geograficamente distanti, al di fuori degli schemi previsti dalle funzioni strumentali di determinati rituali dialogici (artistici,etici, politici ed estetici), è una cosa necessaria, ma anche rischiosa. La proposta che facciamo – afferma ancora Miracola - è quella di oltrepassare il dialogo per recuperare due dimensioni del pensare un nuovo modo di “fare arte”. “Un mar sin orillas” è una mostra che mi piace definire istantanea e che per questo utilizza diversi dispositivi di registrazione e interpretazione visiva che uniscono video, fotografia, illustrazione e installazione coinvolgendo in prima persona tutti coloro che ne vengono a confronto. Gli artisti si pongono come osservatori di una realtà contemporanea che permette loro di approfondirla e farne visione attraverso un uso delle tecnologie aperte anche a soluzioni impensate ma che a volte rasentano la perfezione nella descrizione delle problematiche attuali.
Essi infatti spostano il significato della realtà concettualizzandola, quasi fino a renderla transitoria, temporanea, effimera: creando un evento comunicativo emozionante, documentato in maniera esemplare”.


Capo d’Orlando, 25/07/2019

Avviso Pubblico

Bandi e Concorsi

Ordinanze

Comunicati Stampa

Comunicati Stampa

Rimossa una micro-discarica a Piscittina L’Assessore Colombo: “Scene e comportamenti intollerabili”

E’ stata rimossa stamattina la piccola discarica di rifiuti segnalata nello scorso fine settimana in contrada Piscittina. L’Assessore all’Ambiente Fabio Colombo ha allertato la ditta Loveral che gestisce il servizio di raccolta e conferimento rifiuti e, nonostante le cattive condizioni del tempo seppur in condizioni organizzative difficili a causa dell’emergenza sanitaria in corso, la zona è stata ripulita in poco tempo.
“Ringrazio la Loveral per la disponibilità e l’impegno, ma davvero non si possono tollerare situazioni simili che denotano un rispetto per l’ambiente pari a zero e un senso civico totalmente assente – commenta l’Assessore Colombo – né si può tollerare il silenzio di chi afferma non aver visto nessuno abbandonare legname, scatole e sacchi interi di rifiuti, pur abitando a poche decine di metri di distanza. L’omertà non appartiene a chi ama la propria città, non sono scene e comportamenti degni di un paese come il nostro, tra l’altro in un momento in cui ci troviamo a gestire una grave emergenza sanitaria.
Invito tutti a denunciare chi commette atti contro l’ambiente e contro la propria comunità: come Amministrazione stiamo procedendo ad acquistate delle microtelecamere da installare in alcuni punti del territorio comunale e poter così contrastare il malcostume delle discariche abusive, piccole e grandi, oltre a comminare la giusta sanzione ai responsabili”.

Comunicati Stampa

Un caso di positività al coronavirus a Capo d’Orlando, il Sindaco Ingrillì: “Seguiamo costantemente la situazione, oggi altri tamponi. Continuiamo a rispettare le regole”

 “Stiamo seguendo costantemente la situazione: la persona risultata positiva al coronavirus era già da qualche giorno in isolamento insieme alla sua famiglia. Le condizioni di salute generali sono buone e, a nome dell’intera comunità orlandina, gli auguriamo una pronta guarigione.
Non ci sono ragioni di allarmismo in quanto, dai riscontri fatti, non ha avuto contatti al di fuori dell’ambito familiare e lavorativo, cioè nelle residenze sanitarie dove presta servizio. A tal proposito, oggi, a solo scopo precauzionale, così come prevede la procedura, verranno eseguiti tamponi sul personale e sui degenti della struttura di via Torrente Forno di cui ho potuto personalmente apprezzare la professionalità, l’attenzione alla sicurezza e la cura con cui vengono assistiti i pazienti. Ovviamente terremo aggiornata tempestivamente la cittadinanza sull’evolversi della situazione”.
Così, il Sindaco Franco Ingrillì interviene dopo la notizia della positività al nuovo coronavirus di un uomo di Capo d’Orlando che lavora in una residenza sanitaria del comprensorio in cui è già stato registrato qualche caso di Covid-19.
“Ancora di più, in questo momento, è importante attenersi alle regole – prosegue il Sindaco Ingrillì – bisogna muoversi solo per reali motivi di necessità e non uscire da casa se non per fare la spesa o andare in farmacia. Anzi, approfittiamo del servizio di consegna a domicilio che viene svolto da supermercati, farmacie e ristoranti e non dimentichiamo di aiutare le persone bisognose. Dimostriamo di essere comunità unita e solidale: non solo ce la faremo, ma ne usciremo ancora più forti”.

 

Comunicati Stampa

In isolamento 120 persone, nessun caso positivo

Aggiornamento al 28 marzo sull'emergenza coronavirus a Capo d'Orlando: 120 persone in isolamento, nessun caso positivo.
Si rinnova l'invito a restare a casa e a rispettare le regole.

Comunicati Stampa

Il Consiglio Comunale approva la richiesta di anticipazione di liquidità: due milioni e mezzo per l’economia locale

Il Consiglio Comunale di Capo d’Orlando, riunito in videoconferenza, ha approvato con 10 voti a favore e 4 astenuti la richiesta di anticipazione di liquidità per circa 2 milioni e 500mila euro alla Cassa Depositi e Prestiti per procedere al pagamento di debiti con i fornitori.
Si tratta di un provvedimento voluto dall’Amministrazione Comunale per rinvigorire l’economica locale duramente provata dall’emergenza coronavirus. Era stato lo stesso Sindaco Franco Ingrillì ad annunciare nei giorni scorsi la decisione di immettere liquidità nel tessuto economico orlandino, insieme alla sospensione del pagamento della Tari e delle bollette dell’acqua per il 2020.
“Una boccata d’ossigeno per i fornitori e le imprese in un momento di grande difficoltà – ha commentato il Sindaco Ingrillì – stiamo compiendo grandi sforzi nell’ottica del risparmio e del recupero dei crediti e stiamo raccogliendo i frutti di un lavoro certosino”.
In apertura di seduta, il Presidente del Consiglio Carmelo Galipò ha chiesto di osservare un minuto di silenzio, seppur virtuale, per onorare i tanti morti a causa del Covid-19. “L’Italia sta pagando un prezzo altissimo in termini di vite umane – ha affermato il Presidente Galipò – mentre il tessuto economico è allo stremo e la vita sociale costretta a disgregarsi per consentire quel distanziamento necessario per evitare la diffusione del virus. Oggi siamo chiamati ad una grande responsabilità civica e domani saremo chiamati ad un enorme sforzo unitario per risollevarci”.

Leggi tutto...

Torna su