itenfrderues

Comunicati Stampa

Novità sostanziali nell'ordinanza che disciplina la pulizia dei terreni incolti nel periodo estivo nell'ottica della prevenzione degli incendi.
Sulla scorta delle recenti disposizioni della Prefettura di Messina, il Sindaco di Franco Ingrillì ha firmato l'ordinanza n. 28 del 29 maggio con cui si dispone che nel periodo dall'1 giugno al 30 settembre sarà vietato accendere fuochi in prossimità di boschi, terreni agrari e/o cespugliati, lungo le strade Comunali, Provinciali, Statali e Autostradali ricadenti sul territorio comunale. Negli stessi luoghi, non è consentito fumare o usare apparecchi a fiamma libera o elettrici che producono faville.
I proprietari o i conduttori di aree agricole non coltivate, oltre a tutti i proprietari di aree verdi urbane incolte o di edifici con annesse aree pertinenziali, dovranno “provvedere ad effettuare i relativi interventi di pulizia a propria cura e spese dei terreni invasi da vegetazione, mediante rimozione di ogni elemento o condizione che possa rappresentare pericolo per l’incolumità e l’igiene pubblica”.
In caso di inosservanza, il Comune potrà provvedere d’ufficio ed in danno dei trasgressori. Inoltre, i soggetti inadempienti saranno responsabili dei danni che, a seguito d'incendi, si dovessero verificare a carico di persone e/o beni mobili e immobili.
Nei periodi dall’1 giugno al 30 giugno e dall’1 ottobre al 31 ottobre, è consentito bruciare materiale agricolo o forestale proveniente da sfalci, potature o ripuliture dalle ore 5 alle 9 del mattino previa comunicazione fatta al Distaccamento forestale competente per territorio. Inoltre, la combustione controllata deve essere effettuata in aree distanti da zone cespugliate e/o arboree; dall’accensione alla fase di spegnimento, il fuoco deve essere costantemente vigilato fino alla completa estinzione di focolai e braci; possono essere destinati alla combustione all’aperto cumuli di vegetali in quantità giornaliere non superiori a 3 metri cubi (vuoto per pieno) per ettaro di materiale agricolo e forestale derivante da 2/3 sfalci, potature e ripuliture. E' comunque vietata l’accensione di fuochi nelle giornate calde e particolarmente ventilate soprattutto nei casi di venti provenienti da Sud-Est (scirocco).

Cambiano anche le sanzioni previste per la violazione dell'ordinanza: in caso di trasgressione al divieto di pascolo su soprassuoli delle zone boscate percorsi dal fuoco si applica una sanzione amministrativa, per ogni capo di bestiame, non inferiore a 31 euro e non superiore a 62; nel caso di trasgressione al divieto di caccia sui medesimi soprassuoli si applica una sanzione amministrativa non inferiore a 207 euro e non superiore a 413 euro; la trasgressione al divieto di realizzazione di edifici e/o strutture e infrastrutture finalizzate a insediamenti civili e attività produttive su soprassuoli percorsi dal fuoco è punita con la sanzione penale prevista dall’art. 20, comma 1, lett. c) della legge n. 47/85 e s.m.i. (arresto fino a due anni e ammenda da un minimo di 15.493,00 euro ad un massimo di 51.645,00 euro). Il giudice, nella sentenza di condanna, dispone la demolizione dell’opera ed il ripristino dello stato dei luoghi a spese del responsabile.
Nel caso di mancata pulizia, scerbamento e decespugliamento di aree incolte e/o di incurato accumulo delle relative sterpaglie, sarà applicata una sanzione amministrativa non inferiore a 31 euro e non superiore a 62 euro. La trasgressione al divieto di accensione dei fuochi sarà applicata una sanzione amministrativa non inferiore a 31 euro e non superiore a 62 euro.
Nel caso in cui la trasgressione al divieto dei fuochi abbia procurato incendio o anche solo potenzialmente l’innesco sarà applicata, oltre alla eventuale sanzione prevista dal codice penale, anche una sanzione amministrativa compresa tra 1.032 euro e 10.329 euro.
L'ordinanza integrale è consultabile sul sito internet del Comune di Capo d'Orlando.

Avviso Pubblico

Bandi e Concorsi

Ordinanze

Comunicati Stampa

Comunicati Stampa

Lavori dell'Enel bloccano l'impianto fognario: nuova denuncia del Sindaco

Dopo l'episodio di ieri all’altezza della via Gambitta Conforto, oggi si è registrato un altro sversamento di liquami in mare nella zona compresa tra gli incroci del Lungomare Doria con Via Colombo e Via del Fanciullo. Anche in questo caso, il problema è legato al distacco della corrente elettrica da parte dell’Enel che sta effettuando dei lavori in zona e che ha determinato il blocco della stazione di sollevamento n. 6.
In mancanza di segnalazione preventiva, non è stato possibile per la ditta incaricata della manutenzione dell'impianto fognario, programmare il noleggio di gruppi elettrogeni adeguati in grado di sopperire al distacco dell'energia elettrica.
Il Sindaco Franco Ingrillì ha dato mandato agli uffici di procedere per le vie legali contro Enel per i gravi danni d'immagine provocati dagli sversamenti che, tra l'altro, vanificano il grande lavoro di programmazione e di manutenzione costante dell'impianto fognario. L'Enel continua ad operare in modo anarchico senza rispetto alcuno per l'Istituzione comunale, per le attività commerciali e per i cittadini. Nel 2020 non può risolvere tutto con un foglietto appiccicato al muro. Qualcuno dovrà rispondere di tutto questo”.

 

Comunicati Stampa

Sversamenti di liquami in mare: azione legale contro l'Enel

Lo sversamento odierno dei liquami in mare all’altezza della via Gambitta Conforto è imputabile esclusivamente al distacco della corrente elettrica da parte dell’Enel che sta effettuando dei lavori in zona. Tale distacco ha riguardato anche le pompe di sollevamento determinando un grave disagio in una parte di litorale molto frequentata. L’Amministrazione Comunale intende avviare un’azione legale nei confronti dell’Enel con contestuale richiesta di ristoro per i gravi danni d’immagine subiti.
Il Sindaco Ingrillì sottolinea che “durante i mesi invernali è stata intrapresa una attività di manutenzione costante della rete fognaria proprio allo scopo di prevenire eventuali guasti, ma nulla possiamo contro le scellerate scelte della società che gestisce il servizio elettrico di effettuare i lavori in pieno giorno e in piena estate senza preavviso ufficiale, ma solo affiggendo esili fogli di carta ai lampioni. E’ assurdo”.

Comunicati Stampa

Stipendi in ritardo: incontro Sindaco - sindacati

Incontro stamattina tra il Sindaco Franco Ingrillì e i rappresentanti sindacali sul tema del ritardo nel pagamento degli stipendi ai dipendenti comunali. “Ritardi - ha spiegato il sindaco - legati sia al mancato arrivo dei trasferimenti annunciati dal governo nazionale, sia a causa dei provvedimenti presi per fronteggiare l'emergenza Covid-19 con la mancata bollettazione di acqua e Tari che, di fatto, hanno quasi azzerato gli incassi per il Comune”. Il Sindaco Ingrillì nel sottolineare “l'atmosfera serena e costruttiva” in cui si è svolto l'incontro, ha garantito la corresponsione di due mensilità entro la metà del mese di luglio con la prospettiva di rimettere subito in linea il pagamento delle retribuzioni. Continuiamo a lavorare in armonia e con la determinazione di sempre”.

Comunicati Stampa

Da domani il “Trofeo del Tirreno” di calcio giovanile - Piene le strutture ricettive

Capo d'Orlando si prepara ad un fine settimana da “tutto esaurito”: oltre mille persone, infatti, pernotteranno negli alberghi, nei residence e nei b&b orlandini per partecipare alla quarta edizione del torneo di calcio giovanile “Trofeo del Tirreno – Città di Capo d’Orlando”. Una manifestazione che viene confermata, anche se rivista nella partecipazione, ed è l'unica del genere che si svolge in Italia dal mese di marzo a causa dell'emergenza Covid.
Da venerdì 3 a domenica 5 luglio si affronteranno 75 squadre dalle categorie “primi calci” agli “allievi” provenienti dalla 9 province siciliane e da Reggio Calabria.
E' un grande segnale di rinascita che parte da Capo d'Orlando grazie agli organizzatori e a questi ragazzi che ci trasmetteranno entusiasmo e passione – ha affermato l'Assessore Fabio Colombo – ma è anche una grande iniezione di energia e ottimismo per le strutture ricettive, i ristoranti e le attività commerciali che saranno pieni in questo fine settimana. E' l'ennesimo segnale che Capo d'Orlando è la capitale del turismo sportivo regionale grazie a strutture invidiabili e ad una volontà amministrativa che sposa sempre iniziative che sanno coniugare due aspetti chiave per muovere l'economia”.
Al “Trofeo del Tirreno – Città di Capo d’Orlando”, che verrà ospitato nei campi del “Merendino”, del “Tartarughino” e di Piazza Trifilò, oltre che allo Stadio “Enzo Vasi” di Gliaca di Piraino, interverranno osservatori e capi scouting di Juventus, Milan, Atalanta, Roma, Spal, Bologna e altre società professionistiche.

Torna su