itenfrderues
 

Comunicati Stampa

Novità sostanziali nell'ordinanza che disciplina la pulizia dei terreni incolti nel periodo estivo nell'ottica della prevenzione degli incendi.
Sulla scorta delle recenti disposizioni della Prefettura di Messina, il Sindaco di Franco Ingrillì ha firmato l'ordinanza n. 28 del 29 maggio con cui si dispone che nel periodo dall'1 giugno al 30 settembre sarà vietato accendere fuochi in prossimità di boschi, terreni agrari e/o cespugliati, lungo le strade Comunali, Provinciali, Statali e Autostradali ricadenti sul territorio comunale. Negli stessi luoghi, non è consentito fumare o usare apparecchi a fiamma libera o elettrici che producono faville.
I proprietari o i conduttori di aree agricole non coltivate, oltre a tutti i proprietari di aree verdi urbane incolte o di edifici con annesse aree pertinenziali, dovranno “provvedere ad effettuare i relativi interventi di pulizia a propria cura e spese dei terreni invasi da vegetazione, mediante rimozione di ogni elemento o condizione che possa rappresentare pericolo per l’incolumità e l’igiene pubblica”.
In caso di inosservanza, il Comune potrà provvedere d’ufficio ed in danno dei trasgressori. Inoltre, i soggetti inadempienti saranno responsabili dei danni che, a seguito d'incendi, si dovessero verificare a carico di persone e/o beni mobili e immobili.
Nei periodi dall’1 giugno al 30 giugno e dall’1 ottobre al 31 ottobre, è consentito bruciare materiale agricolo o forestale proveniente da sfalci, potature o ripuliture dalle ore 5 alle 9 del mattino previa comunicazione fatta al Distaccamento forestale competente per territorio. Inoltre, la combustione controllata deve essere effettuata in aree distanti da zone cespugliate e/o arboree; dall’accensione alla fase di spegnimento, il fuoco deve essere costantemente vigilato fino alla completa estinzione di focolai e braci; possono essere destinati alla combustione all’aperto cumuli di vegetali in quantità giornaliere non superiori a 3 metri cubi (vuoto per pieno) per ettaro di materiale agricolo e forestale derivante da 2/3 sfalci, potature e ripuliture. E' comunque vietata l’accensione di fuochi nelle giornate calde e particolarmente ventilate soprattutto nei casi di venti provenienti da Sud-Est (scirocco).

Cambiano anche le sanzioni previste per la violazione dell'ordinanza: in caso di trasgressione al divieto di pascolo su soprassuoli delle zone boscate percorsi dal fuoco si applica una sanzione amministrativa, per ogni capo di bestiame, non inferiore a 31 euro e non superiore a 62; nel caso di trasgressione al divieto di caccia sui medesimi soprassuoli si applica una sanzione amministrativa non inferiore a 207 euro e non superiore a 413 euro; la trasgressione al divieto di realizzazione di edifici e/o strutture e infrastrutture finalizzate a insediamenti civili e attività produttive su soprassuoli percorsi dal fuoco è punita con la sanzione penale prevista dall’art. 20, comma 1, lett. c) della legge n. 47/85 e s.m.i. (arresto fino a due anni e ammenda da un minimo di 15.493,00 euro ad un massimo di 51.645,00 euro). Il giudice, nella sentenza di condanna, dispone la demolizione dell’opera ed il ripristino dello stato dei luoghi a spese del responsabile.
Nel caso di mancata pulizia, scerbamento e decespugliamento di aree incolte e/o di incurato accumulo delle relative sterpaglie, sarà applicata una sanzione amministrativa non inferiore a 31 euro e non superiore a 62 euro. La trasgressione al divieto di accensione dei fuochi sarà applicata una sanzione amministrativa non inferiore a 31 euro e non superiore a 62 euro.
Nel caso in cui la trasgressione al divieto dei fuochi abbia procurato incendio o anche solo potenzialmente l’innesco sarà applicata, oltre alla eventuale sanzione prevista dal codice penale, anche una sanzione amministrativa compresa tra 1.032 euro e 10.329 euro.
L'ordinanza integrale è consultabile sul sito internet del Comune di Capo d'Orlando.

Avviso Pubblico

Bandi e Concorsi

Ordinanze

Comunicati Stampa

Comunicati Stampa

Nessun contagio da Covid-19 a Villa Pacis di Capo d'Orlando

La dichiarazione del Sindaco Franco Ingrillì dopo aver ricevuto l'esito dei tamponi effettuati nella struttura di Villa Pacis di Capo d'Orlando:
"Una splendida notizia: nessun contagio da Covid-19 a Villa Pacis di Capo d’Orlando!
Sono tutti negativi i tamponi effettuati ai medici, agli infermieri, ai degenti e al personale amministrativo in servizio nella sede di Via Torrente Forno.
Mi preme ringraziare tutta l’equipe di Villa Pacis per la grande professionalità mostrata, per la dedizione al servizio e la cura prestata ai pazienti pur in condizioni psicologiche non facili.
Per nove giorni siamo stati in apprensione, ma adesso tutta la comunità orlandina può tirare un grosso sospiro di sollievo.
Anche il nostro concittadino risultato positivo sta bene e prosegue la quarantena in serenità insieme alla sua famiglia. A lui, a tutto il personale e ai degenti di Villa Pacis, l’abbraccio affettuoso dell’intera comunità orlandina!  
Non abbassiamo la guardia, continuiamo a tenere i comportamenti dovuti, usciamo solo per fare la spesa e andare in farmacia, rispettiamo le distanze  e, soprattutto, #restiamoacasa"

Comunicati Stampa

Emergenza Coronavirus: l'area Servizi Sociali operativa anche sabato e domenica

Il servizio telefonico attivato per misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da Covid 19, operativo presso l’Area Socio Assistenziale, il 4 e 5 aprile sarà funzionante come segue:

Sabato 4 aprile 2020 dalle ore 8:00 alle ore 14:00 il numero 0941915340 fornirà assistenza e riceverà segnalazioni dei bisogni della
collettività;
il numero 0941915353 fornirà supporto per la compilazione della domanda di “RICHIESTA BUONI PER ACQUISTO DI GENERI ALIMENTARI E DI
PRIMA NECESSITA’(Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile 658/2020).

Domenica 5 aprile 2020 dalle ore 8:00 alle ore 14:00 il numero 0941915340 fornirà assistenza e riceverà segnalazioni dei bisogni della
collettività;
il numero 0941915323 fornirà supporto per la compilazione della domanda di “RICHIESTA BUONI PER ACQUISTO DI GENERI ALIMENTARI E DI
PRIMA NECESSITA’(Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile 658/2020).

Comunicati Stampa

Buoni spesa per emergenza Covid: sul sito del Comune il modello delle domande

 

Sono disponibili sul sito Internet del Comune di Capo d’Orlando (al link https://bit.ly/3aH9xFg) l’avviso pubblico e il modello di domanda per richiedere i buoni spesa beni concessi a favore di persone o famiglie in condizione di disagio economico e sociale, così come disposto dall’ordinanza di Protezione Civile n.658/2020 emanata per l’emergenza sanitaria da Covid 19.
Beneficiari dei buoni spesa sono prioritariamente i nuclei familiari più esposti agli effetti economici legati all’emergenza e cioè i soggetti già seguiti dai servizi sociali che non usufruiscono di prestazioni assistenziali (Reddito di Cittadinanza, Rei, Naspi, indennità di mobilità, CIG), soggetti che hanno perso il lavoro o che hanno sospeso o chiuso attività o che svolgevano lavori intermittenti e, in questa fase dell’emergenza Covid 19, non hanno per il proprio sostentamento liquidità e/o reddito propri o provenienti da altro componente del nucleo familiare.
Sono esclusi dal beneficio coloro che percepiscono ammortizzatori sociali, reddito di cittadinanza, trattamento pensionistico o altri sostegni pubblici per un importo complessivo di almeno 600 euro mensili (per nuclei familiari fino a due persone) di almeno 1.000 euro mensili per nuclei familiari composti da tre o più persone.
Esclusi anche i possessori di titoli mobiliari o di Stato, obbligazioni, buoni fruttiferi, investimenti finanziari superiori a 10mila euro. La richiesta di buoni spesa può essere presentata solo da un componente del nucleo familiare.
Il voucher dei buoni spesa varia da un minimo di 140 a un massimo di 380 euro a seconda della composizione del nucleo familiare.

Leggi tutto...

Comunicati Stampa

Emergenza coronavirus: ordinanza sull’orario di apertura degli esercizi commerciali prorogata fino al 13 aprile

In esecuzione del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri dello scorso 1 aprile, contenente le nuove misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19, il Sindaco di Capo d’Orlando Franco Ingrillì ha firmato una ordinanza con cui proroga fino al 13 aprile i provvedimenti adottati in precedenza. Prolungato fino alle 19 l’orario di apertura dei negozi in considerazione dell’entrata in vigore dell’ora legale.
Così, l’orario di apertura al pubblico degli esercizi commerciali autorizzati all’apertura, ad eccezione di quelli che vendono prodotti alimentari, delle farmacie e parafarmacie, è limitato a sette ore giornaliere dalle ore 8,30 alle 12,30 e dalle ore 16 alle 19 ferma restando la giornata di chiusura infrasettimanale. Rimane la facoltà degli esercizi commerciali di effettuare orario unico continuativo, rispettando le sette ore giornaliere e comunque non oltre le ore 19.
Rimane confermata la chiusura domenicale di tutti gli esercizi commerciali, compresi quelli destinati alla vendita di generi alimentari. La domenica rimangono aperte solo le farmacie di turno e le edicole.
L’ordinanza firmata oggi è valida dal 4 al 13 aprile, salvo ulteriori proroghe.

Torna su