itenfrderues
 

Comunicati Stampa

C'è tempo fino a venerdì 15 giugno per ottemperare all'ordinanza n. 40 del 30/04/2018 sulla prevenzione degli incendi.
Sulla scorta del provvedimento firmato dal Sindaco Franco Ingrillì, i proprietari dei terreni o di aree incolte devono provvedere, appunto entro il 15 giugno, al decespugliamento e alla pulizia per evitare possibili focolai.


La Polizia Municipale e la Protezione Civile Comunale stanno disponendo un servizio di controllo del territorio per verificare il rispetto dell'ordinanza.
Il provvedimento dispone il divieto di accendere fuochi in prossimità di boschi, terreni agrari e/o cespugliati, lungo le strade Comunali, Provinciali, Statali e Autostradali ricadenti sul territorio comunale. Negli stessi luoghi, non è consentito fumare o usare apparecchi a fiamma libera o elettrici che producono faville.
I proprietari o i conduttori di aree agricole non coltivate, oltre a tutti i proprietari di aree verdi urbane incolte o di edifici con annesse aree pertinenziali, dovranno “provvedere ad effettuare i relativi interventi di pulizia a propria cura e spese dei terreni invasi da vegetazione, mediante rimozione di ogni elemento o condizione che possa rappresentare pericolo per l’incolumità e l’igiene pubblica”.
Nei terreni ricadenti all’esterno della perimetrazione del centro urbano con una  estensione superiore a mq 3.000 (tremila), in sostituzione della pulizia dell'intera area, è ammessa la realizzazione di viali parafuoco di larghezza di almeno sei metri dal confine con le proprietà limitrofe, da estendere a dieci metri in corrispondenza dei confini su strada (anche se trattasi di strade vicinali, trazzere, etc.).
In caso di inosservanza, il Comune potrà provvedere d’ufficio ed in danno dei trasgressori. Inoltre, i soggetti inadempienti saranno responsabili dei danni che, a seguito d'incendi, si dovessero verificare a carico di persone e/o beni mobili e immobili.
In caso di mancata pulizia di aree incolte o di accumulo indiscriminato di sterpaglie, sarà applicata una sanzione amministrativa che va da 100 a 600 euro. Nel caso in cui, la mancata pulizia generi o favorisca il propagarsi di un incendio, oltre alla precedente sanzione, sarà applicata una ulteriore sanzione amministrativa da 51 a 258 euro per ogni ettaro o frazione di ettaro incendiato. Nel caso invece di incendio causato da azioni anche involontarie, sarà applicata una sanzione amministrativa che può arrivare fino a 10.329 euro,oltre alla prevista denuncia all’Autorità Giudiziaria.
L'ordinanza integrale è consultabile sul sito internet del Comune di Capo d'Orlando.

Allegati:
FileDescrizione
Scarica questo file (ordinanzan40.pdf)Ordinanza n° 40 del 30/04/2018Ordinanza n° 40 del 30/04/2018

Avviso Pubblico

Bandi e Concorsi

Ordinanze

Comunicati Stampa

Comunicati Stampa

In isolamento 120 persone, nessun caso positivo

Aggiornamento al 28 marzo sull'emergenza coronavirus a Capo d'Orlando: 120 persone in isolamento, nessun caso positivo.
Si rinnova l'invito a restare a casa e a rispettare le regole.

Comunicati Stampa

Il Consiglio Comunale approva la richiesta di anticipazione di liquidità: due milioni e mezzo per l’economia locale

Il Consiglio Comunale di Capo d’Orlando, riunito in videoconferenza, ha approvato con 10 voti a favore e 4 astenuti la richiesta di anticipazione di liquidità per circa 2 milioni e 500mila euro alla Cassa Depositi e Prestiti per procedere al pagamento di debiti con i fornitori.
Si tratta di un provvedimento voluto dall’Amministrazione Comunale per rinvigorire l’economica locale duramente provata dall’emergenza coronavirus. Era stato lo stesso Sindaco Franco Ingrillì ad annunciare nei giorni scorsi la decisione di immettere liquidità nel tessuto economico orlandino, insieme alla sospensione del pagamento della Tari e delle bollette dell’acqua per il 2020.
“Una boccata d’ossigeno per i fornitori e le imprese in un momento di grande difficoltà – ha commentato il Sindaco Ingrillì – stiamo compiendo grandi sforzi nell’ottica del risparmio e del recupero dei crediti e stiamo raccogliendo i frutti di un lavoro certosino”.
In apertura di seduta, il Presidente del Consiglio Carmelo Galipò ha chiesto di osservare un minuto di silenzio, seppur virtuale, per onorare i tanti morti a causa del Covid-19. “L’Italia sta pagando un prezzo altissimo in termini di vite umane – ha affermato il Presidente Galipò – mentre il tessuto economico è allo stremo e la vita sociale costretta a disgregarsi per consentire quel distanziamento necessario per evitare la diffusione del virus. Oggi siamo chiamati ad una grande responsabilità civica e domani saremo chiamati ad un enorme sforzo unitario per risollevarci”.

Leggi tutto...

Comunicati Stampa

Fiori al cimitero chiuso per l’emergenza coronavirus: l’iniziativa dell’Amministrazione Comunale e dei fiorai

 

Un’azione simbolica e fortemente sentita quella dell’Amministrazione Comunale di Capo d’Orlando che, per iniziativa del Sindaco Franco Ingrillì e dell’Assessore Fabio Colombo, ha contattato i fiorai della città per deporre i fiori al cimitero, chiuso alle visite per l’emergenza coronavirus.
“Fiori che sarebbero appassiti nei negozi e che invece adesso inondano di colori e odori i viali e tutti gli ingressi del cimitero – afferma l’assessore Colombo. Voglio personalmente ringraziare Alessia del “Pozzo non solo fiori”, Santi di “Gitto fiorai”, Ignazio del “Petalo”, Amedeo e Anthony di “Hamer fiori” e Gianni di “Iuculano fiori” per la sensibilità e la generosità che hanno mostrato. Tutti insieme, a nome dell’intera comunità orlandina, abbiamo voluto rendere omaggio ai nostri cari sempre presenti nei cuori anche e soprattutto in questi giorni in cui il cimitero è chiuso”.
Gli assessori Fabio Colombo, Edda Triscari e i fiorai orlandini hanno deposto i fiori agli ingressi del cimitero comunale e lungo i viali che rimangono interdetti alle visite.
Per il Sindaco Franco Ingrillì: “Chiudere i cancelli del cimitero e vietare le visite è stata una scelta dolorosa ma inevitabile in questo momento. Insieme ai fiorai abbiamo fatto un gesto col cuore, a nome di tutti”.

Comunicati Stampa

“Continuiamo a fare la raccolta differenziata”

“E’ comprensibile che rimanere a casa comporta un aumento della produzione di rifiuti, ma dobbiamo continuare a fare correttamente la raccolta differenziata. E’ un impegno civico nei confronti della comunità e dell’ambiente”. E’ l’appello rivolto dall’Assessore Fabio Colombo dopo che è stato registrato un incremento notevole del conferimento di rifiuti indifferenziati nella giornata di sabato scorso.
Si ricorda che solo le persone in isolamento obbligatorio o fiduciario devono interrompere la raccolta differenziata e conferire tutti i rifiuti domestici come indifferenziati nella giornata di sabato, attuando alcuni accorgimenti a scopo cautelativo come adoperare guanti monouso e utilizzare almeno due sacchetti, uno dentro l’altro.
Tutti gli altri utenti devono proseguire regolarmente la raccolta differenziata rispettando i giorni di conferimento, oltre che attuare gli stessi accorgimenti preventivi.
“L’emergenza passerà, speriamo presto – continua l’Assessore Colombo – e torneremo alla normalità. Ma nel frattempo non dimentichiamo i comportamenti virtuosi in un settore vitale per l’economia e l’ambiente”.

Torna su