itenfrderues

Comunicati Stampa

Sono stati concessi a 218 nuclei familiari residenti nel Comune di Capo d’Orlando, per una spesa complessiva di 60mila 612 euro i buoni spesa/voucher per l’acquisto di beni di prima necessità, relativi all'intervento finanziato dalla Regione Sicilia con Fondi PO FSE SICILIA 2014/2020- Asse II, Inclusione Sociale e lotta alla povertà,OT9,- Priorità i investimento 9.I, Obiettivi specifico 9.1, Azione 9.1.3.
Nel dettaglio, 31 destinatari fanno parte di nuclei familiari in condizione di disagio economico e non percepiscono alcuna altra forma di reddito o di assistenza economica, mentre gli altri 187 fanno parte di nuclei familiari destinatari di precedenti forme di sostegno pubblico e di buoni spesa/voucher erogati ad altro titolo per emergenza COVID-19 secondo i criteri previsti nell’Avviso pubblico.
Purtroppo – commenta il Sindaco Franco Ingrillì – gli uffici non hanno potuto accogliere altre 106 domande per carenze di requisiti previsti dal decreto regionale che ha vincolato l’erogazione a rigidi criteri di selezione. Paletti che hanno appesantito non poco i procedimenti. L'area servizi Sociali è comunque al lavoro per mettere in campo forme di sostegno agli esclusi, sulla base dello stato di bisogno documentato. Stiamo facendo di tutto per aiutare chi ha bisogno”.
I buoni spesa/voucher vengono gestiti telematicamente mediante la piattaforma cloud “SocialBonus” che rilascia al beneficiario un Buono Elettronico il cui valore economico viene attribuito, virtualmente, alla tessera sanitaria e/o al codice fiscale del beneficiario.


Il cittadino beneficiario, una volta ricevuta dal Comune la conferma dell’accoglimento della richiesta (tramite sms) unitamente al valore dell’importo del buono virtuale a esso conferito, può recarsi nell’attività commerciale liberamente scelta ed accreditata e spendere l’importo parziale o totale del buono senza esborso di denaro inserendo il PIN fornitogli dal Comune, e consegnando al negoziante, la tessera sanitaria o il codice fiscale, per il pagamento dei beni da acquistare.
Com'è noto, i buoni spesa/voucher nominativi possono essere utilizzati esclusivamente per l'acquisto di beni di prima necessità (alimenti, prodotti farmaceutici, prodotti per l’igiene personale e domestica, bombole del gas, restando esclusi alcolici (vino, birra, ecc.), superalcolici (liquori vari), prodotti cosmetici (lozioni, creme, coloranti per capelli, ecc.) e quant’altro non rientri fra i prodotti essenziali.
Tutti gli esercizi commerciali e le due farmacie che hanno aderito all'iniziativa praticano ai possessori dei buoni spesa uno sconto del 10%.
Relativamente, invece, all'ordinanza di Protezione Civile dello scorso marzo, sulla scorta della quale sono stati assegnati 103mila euro al Comune di Capo d'Orlando, sono stati distribuiti buoni spesa/voucher nominativi a 446 nuclei familiari. Anche in questo caso, i voucher sono stati utilizzati esclusivamente per la spesa di generi alimentari e di prima necessità e saranno rilasciati dall’Amministrazione Comunale secondo i criteri stabiliti dall’ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione Civile.

 

Avviso Pubblico

Bandi e Concorsi

Referendum Costituzionale 2020

Ordinanze

Comunicati Stampa

Comunicati Stampa

“A scuola in sicurezza”, verso la conclusione l'adeguamento dei plessi

Uno sforzo congiunto tra Amministrazione, dirigenti scolastici e gli altri enti e associazioni a diverso titolo coinvolti ci sta portando all'obiettivo di aprire in sicurezza il nuovo anno scolastico. Saremo pronti per il 24 settembre, quanto entreranno in classe anche gli alunni dei due istituti comprensivi”. Così il Sindaco di Capo d'Orlando Franco Ingrillì ha presentato interventi di adeguamento e adattamento funzionale alle normative anti Covid degli spazi e delle aule in corso nei plessi degli Istituti Comprensivi di Capo d'Orlando. “Grazie a questa piena sinergia instaurata con i dirigenti, con il Centro Provinciale per l'Istruzione degli Adulti, la Curia Vescovile e l'Associazione culturale musicale Città di Capo d'Orlando stiamo concludendo gli spostamenti e i lavori previsti. Ma al di là degli interventi strutturali – ha affermato il Sindaco – sarà importante che tutti, dalle famiglie, agli studenti, dai docenti, al personale Ata, osservino le regole previste. Bisogna salvaguardare in ogni modo la scuola e il valore sociale che rappresenta”.
E' stato l'Assessore alla Pubblica Istruzione Andrea Paterniti ad illustrare nel dettaglio interventi nei diversi plessi che comporterà il trasloco di poche classi dalle sedi originarie: “Dal plesso di Piscittina due classi si trasferiranno nei locali messi a disposizione dalla curia vescovile nei locali della parrocchia di Sant'Antonio a Piana, mentre una classe del plesso di Vina verrà spostata nella sede di Torrente Forno. Nel plesso di Santa Lucia – ha continuato Paterniti – la sala adibita a mensa è stata divisa per accogliere due sezioni della Scuola dell'Infanzia, mentre un altro locale è stato recuperata grazie alla dispobilità della banda musicale che ha accettato di trasferirsi all'ex Merendino sul lungomare Doria.

Leggi tutto...

Comunicati Stampa

Adeguamento anti Covid delle scuole: domani conferenza stampa

Gli interventi di adeguamento e adattamento funzionale alle normative anti Covid degli spazi e delle aule nei plessi degli Istituti Comprensivi di Capo d'Orlando in vista dell'apertura del nuovo anno scolastico sarà argomento di una conferenza stampa convocata dal Sindaco Franco Ingrillì e dall'Assessore alla Pubblica Istruzione Andrea Paterniti.
L'incontro con i giornalisti si terrà domani, venerdì 18 settembre alle ore 11,30 nell'aula consiliare.

 

Comunicati Stampa

Capo d’Orlando, Sant’Agata Militello e Santo Stefano di Camastra: un’unica ZES a servizio di un comune sistema integrato di portualità

Sinergia, lavoro e programmazione comune tra le aree portuali di Capo d’Orlando, Sant’Agata Militello e Santo Stefano di Camastra. Un ambizioso progetto al quale stanno lavorando i tre sindaci Franco Ingrillì, Bruno Mancuso e Franceso Re, dei comuni costieri della provincia di Messina facenti parte, come previsto dall’attuale piano regionale della portualità turistica, di un unico sistema portuale che assegna alle tre realtà compiti e mission diversificate ma tra loro connesse e sinergiche. Obiettivo comune è quello di superare gli angusti limiti della continuità territoriale e candidarsi a diventare un’unica area Zes (Zona Economica Speciale), finalizzata ad offrire condizioni di ottimale defiscalizzazione ad aziende locali ed a nuovi potenziali investitori. Realizzare un’unica area Zes che abbia come riferimento territoriale le tre realtà portuali dei Nebrodi, che insieme sono rappresentative di una potenziale disponibilità di più di 2000 posti barca, sufficiente ad offrire una parziale risposta al fabbisogno stimato in 5000 posti barca di cui necessità il grande attrattore turistico presente nell’area che è il dirimpettaio arcipelago delle Eolie.
I tre comuni puntano dunque non solo a rappresentare simbolicamente l’ottava isola delle Eolie ma a diventare, nell’area del Mediterraneo, un sistema hub di portualità turistica, commerciale e peschereccia in grado di offrire servizi di accoglienza, ormeggio, rimessaggio e cantieristica di eccellenza, fruibili 12 mesi l’anno, grazie alle straordinarie condizioni climatiche di cui beneficia il territorio.

Leggi tutto...

Comunicati Stampa

Interventi di pulizia e decespugliamento dei torrenti: si parte dal Piscittina

 Sono iniziati stamattina gli interventi di pulizia e decespugliamento degli alvei dei torrenti e dei canali di competenza comunale.
I lavori affidati alla ditta “Fratelli Messina Soc. Coop.” di Tortorici sono stati avviati dal Torrente Piscittina e nei prossimi giorni interesseranno tutti i corsi d'acqua che attraversano il territorio.
Si tratta di un fondamentale intervento di manutenzione teso a garantire il normale deflusso delle acque.
Dopo i lavori di ricostruzione e sistemazione degli argini del Torrente Bruca - sottolinea il Sindaco Franco Ingrillì - proseguiamo con l'attività frutto di una programmazione organica e razionale che punta ridurre e prevenire il rischio di esondazioni, oltre che andare incontro alle fondamentali esigenze di igiene, pulizia e decoro”.

Torna su